NOLEGGIO AUTO NELL'ISOLA DI TERCEIRA LE MIGLIORI OFFERTE

Trova le migliori condizioni di noleggio per le migliori offerte sul noleggio auto a Isola Terceira

Perché prenotare con Azores Autos ?

Low Cost

Noleggio auto al prezzo più basso.

Semplice

Le nostre condizioni di noleggio sono semplici e trasparenti.

Sicurezza

Prendiamo molto sul serio la sicurezza dei tuoi dati.

Opzioni

Offriamo una vasta gamma di auto in affitto.

WHAT THEY SAY ABOUT US


Rápido e eficaz
Indiquei todas as minhas informações online, entrei, assinei os documentos, paguei o montante e saí com as chaves. Tudo pronto em menos de 10 minutos.
 

(4,8 de 5,0)
Excelente serviço!
Ótimo serviço, organizaram tudo de forma perfeita! O preço também foi excelente, foi o mais barato que encontrei!
 

(4,6 de 5,0)
Great service and keen pricing
Excellent service, no fuss. Good, clean car. Faultless.
 

(5,0 de 5,0)
Easy to book, brand new car!
Overall very good service, but would have preferred a little more time spent by staff showing me how to operate the vehicle.
 

(4,5 de 5,0)
Une voiture toute neuve, facile à réserver!
Un très bon service dans l’ensemble, mais j’aurais préféré que le personnel prenne un peu plus de temps pour me montrer comment faire fonctionner le véhicule.
 

(4,8 de 5,0)
Estupendo servicio y buen precio.
Excelente servicio, sin complicaciones. Buen coche... ¡Y limpio! Impecable.
 

(4,6 de 5,0)
 

FATTI SULL'ISOLA DI TERCEIRA


GEOGRAFIA


L'isola ha le dimensioni approssimative di 29 chilometri di lunghezza per 18 chilometri di larghezza, misurando il suo perimetro di 90 chilometri. Ha una superficie di 402,2 chilometri quadrati. Il suo punto più alto è a 1021 metri sul livello del mare, situato nella Serra de Santa Bárbara sul lato ovest.

Angra do Heroísmo e la sua baia.

Praia Grande, baia di Praia da Vitória.

La zona centrale di Angra do Heroísmo, con la cattedrale Sé; sullo sfondo, le mura di Fortaleza de São João Baptista e il versante del Monte Brasil.

Strada tipica delle Azzorre: sentieri di ortensie.

Delfini vicino al Monte Brasil.


L'isola è attraversata dalla spaccatura di Terceira, una struttura geologica associata alla tripla giunzione tra placche tettoniche eurasiatica, africana e americana.

La geomorfologia dell'isola offre paesaggi molto variegati di grande bellezza, che si dividono tra pianure come Achada e montagne come Santa Barbara. Ci sono anche alcuni incidenti naturali, come la Caldeira Guilherme Moniz, una delle più grandi dell'isola, chiamata Lagoa das Patas o Falca, che insieme a "Viveiros" formano un insieme armonioso, e Chã das Lagoinhas, nella riserva geologica di l'Algar do Carvão. Degno di nota è anche il complesso smantellato da Serra do Cume, nella zona est, dalla cui cima possiamo vedere Praia da Vitória e Lajes. La parte occidentale dell'isola è coperta da una vegetazione lussureggiante in cui le criptomie sono pontificate. Sulla costa nord, si può osservare la punta dei "misteri" e l'area balneare di Biscoitos, con tracce di eruzioni vulcaniche. Nell'interno vale la pena notare l'Algar do Carvão e le Furnas do Sulx.

La sua popolazione è di 55 833 abitanti (censimento del 2001). La maggior parte della popolazione ha il proprio reddito da bestiame e servizi.

C'è anche il Faro di Serreta, e la Serra do Morião o Nasce Água, con i suoi 632 m di altitudine massima, si trova di fronte alla città di Angra do Heroísmo, è di per sé una singolarità. Il picco di Bagacina. Risalendo dal mare, Mata da Serreta, è una grande riserva forestale che ospita molte specie di fauna e flora. Lagoa do Ginjal, che nonostante le sue piccole dimensioni ha piante uniche e protetto dalla legge.

La Lagoa do Negro, che si trova sopra la grotta di Natale.

Il Miradouro do Facho, nel comune di Praia da Vitória offre una vista panoramica della città di Praia da Vitória.

Monte Brasil, alle porte della città, ospita la Fortaleza de São João Baptista. Il Jardim Duque da Terceira, quasi un giardino botanico, ha molte piante esotiche portate fin dall'inizio delle avventure marittime. Il Ilhéus das Cabras, che offre un sito di nidificazione per le numerose specie marine che camminano lungo la costa.

Si può affermare che la geomorfologia di Terceira presenta una forma molto arrotondata con una sola penisola abbastanza prefigurata che è il vulcano del Monte Brasile.

Ha il suo punto più alto nella Serra de Santa Bárbara, che sale a 1021 m, e presenta una vasta pianura che si estende dalla Serra da Ribeirinha, nella contea di Angra do Heroísmo, alla Serra do Cume nella contea di Praia da Vitória.


CLIMA


Come le altre isole dell'arcipelago, il clima di Terceira è temperato oceanico. L'Atlantico e la Corrente del Golfo funzionano come moderatori di temperatura - marittima - dando all'isola e all'arcipelago in generale una piccola ampiezza termica. Le piogge sono distribuite regolarmente durante tutto l'anno, anche se è più abbondante nella stagione fredda.

In inverno, così come le altre isole dell'arcipelago, è devastato da forti venti che soffiano prevalentemente da sud-ovest, mentre in estate si spostano verso il quadrante nord. Il cielo è generalmente nuvoloso, che causa una luce solare variabile.


LUOGHI DA VISITARE E DA FESTIVITÀ


Non si può parlare della Terceira senza parlare della festa dello Spirito Santo Divino. Questo culto è legato alla regina Santa Isabella, unendosi alle radici joaquimitas portate nelle Azzorre dai francescani spirituali. Questo miracolo viene ricordato ogni anno nelle parrocchie di Terceira nella cerimonia della distribuzione del pane e della carne (il "bodo") da parte della popolazione, celebrata accanto agli "imperi", costruzioni colorate erette come cappelle in onore dello Spirito Santo . Questo è un rituale risalente al Medioevo che si ripete nel corso dei secoli con un sentimento profondamente religioso.

L'altra grande festa e con grandi tradizioni nell'isola è la corrida con la corda. Un toro intrappolato con una corda e controllato da due gruppi di quattro pastori investe contro i popolari che si diffondono per le strade dei villaggi. I pastori svolgono un ruolo cruciale nella conduzione della corrida, controllando il percorso del toro, e la sua velocità, e garantendo la sicurezza dei partecipanti.

Il lavoro della squadra di pastori dipende in larga misura dall'esposizione dell'animale, dal momento che il grado di restrizione imposta dalla corda, e dai tratti, cioè l'impulso e la tensione dati ritmicamente alla corda, determinano la velocità e il decorso dell'animale . La sicurezza dei partecipanti dipende anche dalla sicurezza dei partecipanti, poiché è la corda che mantiene l'animale entro il decorso delimitato e, ritardando il toro, impedisce attacchi eccessivamente pericolosi ai toreri improvvisati.

Un altro festival che è grande a Terceira è il Carnevale. Il carnevale, o carnevale come viene chiamato sull'isola, è celebrato in una moda diversa dalle altre culture del mondo. Le celebrazioni iniziano il sabato prima del Mercoledì delle Ceneri e quando le sale si aprono su tutta l'isola e la gente aspetta di vedere spettacoli.

Queste esibizioni sono sotto forma di danze e bailinhos che girano per le tappe dell'isola e mostrano il lavoro svolto dal gruppo. Queste danze sono un modo di mostrare coraggio e grandezza, nella forma del teatro popolare. È un ottimo modo per entrare in Quaresima, l'idea dietro al Costume. Ci sono molti tipi di danze e danze, con le idee di coloro che inventano ogni gruppo. Fondamentalmente, ogni danza ha il suo abbigliamento anche con la sua musica, le canzoni e un gioco. Il Carnevale di Terceira termina il martedì prima della Quaresima. La tradizione è così importante nella società Terceirana che gli emigranti di quest'isola l'hanno portata ad altri legami nel mondo. (Specificamente la costa orientale degli Stati Uniti, Canada e California).

Il Carnevale di Terceira si celebra tra sabato e martedì, come descritto sopra. In effetti, la pianificazione del Carnevale dura tutto l'anno. I capi con i loro intricati disegni e le canzoni e i brani scritti per questo giorno da solo richiedono molto tempo. C'è anche un tempo prima del Carnevale, quando gli anziani dell'isola fanno le loro esibizioni in una tradizione culturale chiamata "Danze della terza età".